Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformitá alla relativa PRIVACY POLICY
(clicca su questo messaggio per chiuderlo e confermarne la lettura)

Consulenza Ambientale
Servizi di Consulenza

 

La problematica ambientale è pressante per lo sviluppo aziendale e/o per la risoluzione di problemi legati al suolo e al sottosuolo.

 

Siamo Professionisti nel campo Tecnico Ambientale: siamo uno studio associato tecnico-procedurale per le bonifiche ambientali, dal sopralluogo alla chiusura dell'iter amministrativo.

Ci occupiamo anche di gestione delle caratterizzazioni ambientali, analisi di rischio, processi di bonifica e tutto il procedimento per la bonifica del suolo, sottosuolo e acque sotterranee così come è previsto dall'attuale normativa (Testo Unico Ambientale D.Lgs. 152/2006).

L'obiettivo è quello di fornire tutti gli strumenti, sia di natura tecnica che quelli più squisitamente procedurale, per tutti coloro che voglio risolvere problematiche tecnico/economico/ambientale Ambientale.

Per questo, insieme allo sviluppo teorico e pratico delle attività classicamente svolte (rilievo dei dati, elaborazioni, supervisione di cantiere, progettazione ed esecuzione delle prove, interpretazione e realizzazione di modelli concettuali) si presentano   principi fondamentali della gestione dei progetti (Project Management) applicati ai procedimenti di:

 

STIME FORESTALI

Eseguiamo stime dei soprassuoli boscati  sia cedui che fustaie con una metodologia inovativa a misura e non a corpo, con particolare riferimento al restauro conservativo delle foreste; una metodologia moderna e innovativa messa a punto nel lontano 1994 dal dott. Pietro Mazzuca.

 

In MP Team abbiamo patners che si occupano, tra tutto, dei seguenti argomenti:

 

VIBRAZIONI SISMICHE AMBIENTALI - RUMORE SISMICO - MICROTREMORE

Le vibrazioni sismiche ambientali (rumore sismico) sono onde sismiche di bassa energia con ampiezze dell'ordine di 10-4 - 10-2 mm con un intervallo di frequenze molto al di sotto della soglia di percezione umana. Il rumore sismico è anche chiamato microtremore se contiene alte frequenze (in genere maggiori di 0.5 Hz) e microsisma per basse frequenze.

Le tecniche di sismica passiva sono basate sulla misura e l?analisi delle vibrazioni del terreno indotte da sorgenti non controllate.

 

STUDIO DI FENOMENI DI DISSESTO IDROGEOLOGICO

Per dissesto idrogeologico si intende l'insieme dei processi di tipo morfologico caratterizzati da azioni che generano un degrado fisico del sottosuolo.

Il dissesto idrogeologico è generato quasi sempre da attività antropiche ed è legato a condizioni meteorologiche avverse (piogge molto forti o abbondanti), che combinandosi con le particolari condizioni che caratterizzano un territorio, possono contribuire a provocare frane o alluvioni. In questo caso si parla di rischio idrogeologico o idraulico.

Il rischio idrogeologico corrisponde agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli pluviometrici critici lungo i versanti, dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua della la rete idrografica minore e di smaltimento delle acque piovane.

Il rischio idraulico corrisponde agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli idrometrici critici (possibili eventi alluvionali) lungo i corsi d?acqua principali.

 

PROFILO NORMATIVO SULLA COMPATIBILITÀ IDRAULICA DI TORRENTI E RELATIVE SISTEMAZIONI IDRAULICHE

Per sistemazioni idrauliche si intende l'insieme delle attività e degli interventi nei corsi d'acqua volti a modificare il regime di moto dell'acqua, al fine di:

È necessario fare la distinzione tra:

Lo studio idrologico - idraulico è rivolto alla valutazione del regime idraulico tipico del corso d'acqua anche in relazione ad interferenze esercitate da eventuali opere idrauliche presenti o in progetto, con particolare attenzione ai fenomeni di piena.

Lo studio idrologico - idraulico deve definire per l'asta idraulica in esame:

 

MISURE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Per le aree non ancora edificate è fondamentale ubicare in posti sicuri le aree di nuova urbanizzazione e attuare una corretta pianificazione territoriale, mediante l'applicazione di vincoli e regolamentazione d'uso del territorio.

Per le aree già edificate sono necessari interventi strutturali e non strutturali che vanno dalle opere di ingegneria per il consolidamento dei pendii instabili e la messa in sicurezza dei centri abitati, alle delocalizzazioni e alle reti di monitoraggio strumentale che consentono l'attivazione di sistemi di allerta e allarme.

 

Il progetto delle opere e dei sistemi geotecnici deve articolarsi nelle seguenti fasi:

  1. caratterizzazione e modellazione geologica del sito;
  2. scelta del tipo di opera o d'intervento e programmazione delle indagini geotecniche;
  3. caratterizzazione fisico-meccanica dei terreni e delle rocce e definizione dei modelli geotecnici di sottosuolo;
  4. descrizione delle fasi e delle modalità costruttive;
  5. verifiche della sicurezza e delle prestazioni;
  6. piani di controllo e monitoraggio (§ 6.2 N.T.C. 2008).

 

PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO - GEOSITI - GEOCONSERVAZIONE

L'importanza paesaggistica, intesa come "bellezza naturale", di un sito geologico risulta un parametro molto importante ai fini della conoscenza e della promozione turistica del territorio.

Le emergenze paesaggistiche definibili come geositi generalmente sono caratterizzate da un alto valore scenico paesaggistico al quale si aggiungono rappresentatività, esemplarità didattica, rarità e valore scientifico.

Il termine geosito significa "sito geologico" o "sito di interesse geologico?.

Un geosito è di eccezionale importanza primariamente in base al contesto scientifico e culturale ma esso riveste grande interesse anche in relazione al paesaggio, alla biodiversità, all'educazione, alla ricreazione, così come per motivi economici.

Una classificazione dei geositi, essere la seguente:

La Geoconservazione è l'attività di pianificazione territoriale che, attraverso la definizione di appositi piani di gestione, integra le azioni di tutela con quelle di fruizione del patrimonio geologico. Una qualsiasi emergenza geologica può essere considerata un bene culturale solamente se la conoscenza dell'oggetto stesso diviene patrimonio condiviso, fruibile da parte dell'intera comunità.

Per rendere possibile le azioni di geoconservazione occorre interpretare i geositi censiti in un'ottica di sistema, dotandoli di piani di gestione e individuando enti gestori in grado di amministrarne la fruizione all'interno di una scala di valore del suo interesse.